sabato 22 maggio 2010

Il bacio di Mezzanotte

Il Bacio di Mezzanotte, di Lara Adrian, Zorro Edizioni

E' il primo libro del genere che leggo. Costava cinque euro, e per me che soffro da sindrome di shopping librario era come se dicesse: "Comprami, comprami..."
E' un vampire - romance, un urban fantasy.
La trama vede dei vampiri "buoni" riuniti in una fratellanza che combattono contro vampiri "cattivi" affetti da una malattia che si chiama "Brama di Sangue", una sorta di dipendenza dal liquido rosso che li porta a uccidere allegramente e in maniera massiccia.
Di solito è esattamente questo ciò che un vampiro per bene dovrebbe fare, uccidere allegramente e in maniera massiccia, ma poi la trama di romanzi simili s'incepperebbe. Infatti, la controparte dei vampiri "buoni" sono le Compagne della Stirpe, umane che per non meglio specificate caratteristiche genetiche possono generare figli di vampiri; e una tenera Compagna della Stirpe potrebbe mai innamorarsi di un vampiro affetto da brama di sangue? No, anche perché, sempre a causa di non meglio specificate ragioni, la malattia li fa diventare bruttissimi.
Le Compagne della stirpe preferiscono i figaccioni "buoni", vampiri mai più bassi di due metri e mai con meno di tre chili di muscoli.
Ora, ci sono delle cose in realtà abbastanza comuni nella letteratura vampirica degli ultimi anni che proprio non capisco:
- perché i vampiri sembrano essere in un perenne stato di eccitazione sessuale?
- perché i vampiri sono sempre ricchissimi (ricordiamo che non lavorano, ma comprano macchine e case da miliardari e pagano anche le tasse)?
- perché i vampiri, pur avendo novecento anni, si esprimono con lo stesso linguaggio di una gang da strada?
- perché i vampiri portano gli occhiali da sole di notte????

In realtà questo libro della Adrian non è così spiacevole se il genere è nelle proprie corde; i personaggi principali sono ben approfonditi, anche se ignorano il significato della parola coerenza. Vari commenti su Anobii dicono che somiglia molto ai libri della Ward, ma non avendoli io letti non saprei confermare.
La traduzione non è un granché; chiedo scusa al traduttore, ma è così. Tanto per dirne una, c'è un uso frequentissimo della parola "serico", che credo di non aver mai trovato prima in un libro.
La saga continuerà; da ciò che ho letto ci saranno almeno 8 libri, forse addirittura dieci.
Dal 20 maggio dovrebbe essere in libreria il secondo, "Il bacio cremisi", che avrà per protagonista un altro degli allegri confratelli buoni. Quello con più muscoli di tutti, oh yeah.

Nessun commento:

Posta un commento