martedì 27 settembre 2011

Incontro con Lara Adrian

Volevo fare questo post già da domenica, ma me ne sono dimenticata. Colpa dell'università che è riniziata e già mi ha completamente riassorbito il cervello.
Comunque, domenica pomeriggio sono andata a sentire Lara Adrian che, per chi non lo sapesse, è una scrittrice americana che attualmente si occupa di paranormal romance; in realtà proviene già dal romance, anche se prima si occupava del genere "storico" utilizzando uno pseudonimo.
La sua opera è una serie di più di dieci libri, ancora incompleta, globalmente intitolata "La stirpe di mezzanotte". Parla di un gruppo di vampiri e delle loro compagne umane, ma non chiedetemi di più perché ho letto solo il primo e non me lo ricordo tanto bene.
In America sono arrivati a pubblicare il numero nove, da noi invece è uscito a inizio mese il sesto per la Leggereditore.
Avevo già parlato di questa scrittrice in un precedente post (http://valentinacapaldi.blogspot.com/2010/05/il-bacio-di-mezzanotte.html) nel quale esprimevo il poco feeling che ho con questo genere, tuttavia era una bella occasione poter sentire parlare una scritrice di successo nella mia città e così sono andata alla presentazione.
Lara Adrian è una bella signora, che parla un americano strettissimo (non ho capito una parola, per fortuna c'era una bravissima traduttrice/moderatrice), che scrive a una velocità sconvolgente e ha un sacco di idee.
Siccome le cose a cui faccio più attenzione nelle presentazioni riguardano la scrittura in sé, viste le mie inclinazioni, posso riportare un paio di osservazioni che mi hanno colpita.
Intanto, come ben sappiamo, in America gli scrittori utilizzano tantissimi pseudonimi. La Adrian ha spiegato che è una questione pratica, perché il pubblico si abitua a conoscere uno scrittore che fa un certo genere con un certo nome, e si aspetta sempre più o meno la stessa cosa da lui. Se si vuole cambiare genere, bisogna inventare uno pseudonimo. Il risultato è che ci sono autori con un pubblico vastissimo che scrivono cose diverse, ma che in realtà sono la stessa persona.
La seconda osservazione riguarda una cosa con cui sono d'accordissimo, e cioé che per ottenere il massimo sviluppo caratteriale di un personaggio bisogna fargli passare di tutto. A quanto pare, il protagonista dell'ultimo libro della Adrian uscito in Italia ha una vita molto difficile, e in effetti questo aiuta a farlo evolvere.
Se volete leggere i libri della serie "La stirpe di mezzanotte" li trovate tutti editi da Leggereditore e costano 10 euro l'uno. Forse solo per il primo potreste avere difficoltà, in quanto l'altro giorno è uscito un libro che racchiude i primi tre e quindi il primo romanzo della serie sembra sparito dalle librerie. Questa raccolta costa, se non sbaglio, € 16,90.

Nessun commento:

Posta un commento