lunedì 3 ottobre 2011

Incontro con Lansdale e Gischler

Sabato pomeriggio, nell'ambito dello Sugar Pulp Festival tenutosi a Padova (http://festival.sugarpulp.it/), ho assistito alla presentazione degli ultimi romanzi di Joe Lansdale e Victor Gischler.
In realtà dal punto di vista contenutistico non è stata una presentazione molto interessante. Si è parlato dei loro libri e un pochettino del genere, ma senza dichiarazioni di notevole brillantezza.
Lansdale a un certo punto se ne è venuto fuori dicendo che chi scrive deve farlo divertendosi e non prendendosi troppo sul serio. Grazie, Lansdale, se non me lo dicevi tu io avrei continuato a soffrire molto mentre scrivo (questa era ovviamente ironica ^_^).
Interessante però è stato scoprire Gischler, un autore che non conoscevo prima nonostante io frequenti un po' il noir americano.
Finora ha pubblicato sette libri, in Italia credo tradotti tutti da Meridiano Zero tranne uno che è edito da Newton Compton. Pare che sia un autore molto versatile, nel senso che in ogni romanzo cambia tema e stile. Ho acquistato un suo libro di cui, per altro, avevo già letto da qualche parte la trama bollandola come poco interessante; l'aver incontrato di persona l'autore mi ha fatto rivalutare la mia opinione.
Ogni volta che ascolto uno scrittore americano sembra che lì riescano a vivere solo scrivendo; ovviamente non si occupano solo di libri, ma anche di sceneggiature per fumetti e cinema. Beati loro, quanto li invidio!

Nessun commento:

Posta un commento