giovedì 5 gennaio 2012

Consigli di lettura per l'Epifania

Se pensassimo al senso religioso dell'Epifania dovrei consigliarvi un libro attinente ai Re Magi, ma non me ne viene in mente nessuno; perciò valuterò l'aspetto più folkloristico, cioé la Befana.
La Befana è una vecchia strega, e il primo libro a cui penso quando si parla di streghe è questo:

Le streghe, di Roald Dahl
Chi sono le vere streghe? Non quelle delle fiabe, sempre scarmigliate e a cavallo di una scopa, ma signore elegantissime, magari vostre conoscenti. Portano sempre guanti bianchi, si grattano spesso la testa, si tolgono le scarpe a punta sotto il tavolo e hanno denti azzurrini... tutto per nascondere gli artigli, le teste calve, i piedi quadrati e la saliva blu mirtillo: i segnali distintivi delle vere streghe. Ora che lo sapete potrete evitare di essere trasformati in topi, ma solo se terrete gli occhi bene aperti. La realtà non è sempre quella che sembra...

La Befana è una creazione del folklore italiano e circa le varie creature che popolano le leggende delle nostre regioni posso consigliarvi questo libro:

Zeferina, di Riccardo coltri
Stregoni con sai scuri e con maschere di teschi scendono dai monti. Bambini cresciuti nelle tombe preparano le loro trappole. Uomini dalla pelle bianca e capelli color del fuoco si aggirano per le foreste. La caccia ha inizio, fra sanguinose liturgie, corvi e tronchi cavi che sembrano madri nere, alla ricerca del profeta nascosto in un giovane Regno, l'occhio maledetto, colui che condurrà uomini e dèi nell'ultima battaglia. Ma stavolta è un neonato la leggenda, il figlio di una strega il cui nome, Zeferina, si sussurra fra gli alberi. Dal mito europeo e alpino della Caccia Selvaggia al Grande Pan, dalle anguane dei bestiari montani alle sibille, dalle leggende dei monacielli del Sud Italia agli orchi e le fate dei Tredici Comuni cimbri, dai nani delle favole tirolesi alla reinterpretazione dei miti mediterranei di fauni, ciclopi e minotauri. In un Regno d'Italia oscuro e nevoso, in una terra di confine fra Storia e Mito, fra briganti, sealagan laute, Libri del Comando e janare, una rivisitazione in chiave dark, mythic-fiction delle superstizioni, delle leggende e delle creature fantastiche di tutta la penisola.

Facendo ricerche per scrivere questo post, infine, ho ritrovato un libricino di cui non ricordavo l'esistenza, ma che da bambina amavo molto:

La Freccia azzurra, di Gianni Rodari
La Freccia Azzurra, bellissimo trenino esposto nella vetrina della Befana, cattura lo sguardo del piccolo Francesco, che vende caramelle in un cinema e non avrà mai i soldi per comprarlo. Anche i giocattoli, però, hanno un cuore, e la notte del 6 gennaio salgono sul trenino; iniziano cosi un avventuroso viaggio per raggiungere i bambini che li desiderano davvero.

2 commenti:

  1. Ho appena finito di leggere Le streghe di Dahl, anche se si tratta di un libro per l'infanzia è stato comunque piacevole perdermi fra le sue righe ! :)

    RispondiElimina