lunedì 31 dicembre 2012

Sono troppo cattiva?

Devo ricominciare a fare un po' di post con argomenti generici, dato che ultimamente non faccio che recensire.
Proprio questo mi dà lo spunto per una considerazione.
Io sono cattiva nelle recensioni, lo so. Cioè; in realtà non proprio cattiva, ma senza dubbio sincera. Se un libro è discutibile io lo dico. Sia chiaro, sono oggettivamente critica. Di solito cerco di mettere bene in luce quali sono le considerazioni personali (la storia mi piace/non mi piace) e quelle obiettive riguardanti lo stile.
Non pretendo di essere una critica letteraria, ma insomma alcune cosette riesco a vederle dopo tanto tempo passato a leggere.
Per questo mi stupisco quando trovo recensioni entusiastiche di libri che io butterei volentieri giù dalla finestra (e a volte, quando mi prendono i cinque minuti a causa di orrori di scrittura, li scaglio davvero attraverso la stanza).
Non so se siano gli altri ad avere il prosciutto sugli occhi o io che sono troppo severa.
Diciamo che può essere un 50/50, và, giusto per par condicio.
Comunque questo è l'ultimissimo post dell'anno, quindi di nuovo auguri a tutti!

3 commenti:

  1. Proprio perché so che non ti fai nessun problema a mettere in luce tutti i difetti assieme a tutti i pregi, sono orgoglioso di figurare nella tua top 2 e corro pure a cercare gli ebook di quello che segnali.
    Ti auguro un anno strepitoso!
    (E non vedo l'ora di vedere come finisce la storia di Caleb eheh)

    RispondiElimina
  2. Ricordo la recensione condivisibilissima di Le rune del tempo (della serie: parole sante!), sincera e assolutamente non cattiva. No, non c'è cattiveria che tenga: alcuni libri sono troppo orrendi per vedere la luce del sole. E se per incidente capita che la vedano, bisogna essere franchi nel giudicarli.

    RispondiElimina
  3. Grazie ragazzi, questi commenti mi fanno un gran piacere!

    RispondiElimina