sabato 27 luglio 2013

Brilliant - Ali di Fata



BRILLIANT - ALI DI FATA, di M.P. Black
Youcanprint, 239 pagine, € 13,00
Genere: Paranormal Romance
Voto: 4/5


I romanzi di M.P. Black hanno sempre un paio di grandi pregi, ossia una storia originale e avvincente e una narrazione molto spigliata. Questo fa sì che, una volta preso in mano un suo romanzo, non si riesce più a mollarlo.
Questo Brilliant non fa differenza.
Victoria Moore è una giovane ragazza inglese che va sempre a trascorrere le vacanze da sua nonna a Faires City. Sin dal suo arrivo, però, capisce che quest'anno sarà diverso rispetto agli altri. Il bosco non le è più amico, ma pieno di suoni strani e agghiaccianti; un misterioso individuo sembra intenzionato a ucciderla; ma, sopratutto, due strafighi piombano nella sua vita sconvolgendo le sue emozioni.
Jason e Simon, due misteriosi ragazzi di fronte ai quali Victoria non riesce a resistere. Chi saranno in verità? Chi dei due è buono e chi è cattivo? Ma, sopratutto, che c'entrano le fate e gli angeli in tutto questo?
Di solito i personaggi di M.P. Black sono un po' matti, un po' al di sopra delle righe; e anche Victoria vive praticamente dieci piani sopra le righe.
La differenza con gli altri libri dell'autrice (a parte la maturazione stilistica che si avverte da romanzo a romanzo) è che questo è molto più esplicito e adulto.
Io non ho ancora letto quello precedente, La rosa e il pugnale, che in effetti credo sia già romance; però posso dire che Brilliant è una virata decisa verso questo genere. E non è paronormal romance young adult. Per intenderci, è molto esplicito, cosa che mi ha stupita, perché non ero abituata a leggere simili cose da questa autrice. Non ci sono bollenti scene di sesso (magari quelle arriverano nel sequel) ma comunque i personaggi usano un linguaggio colorito, ci sono diversi seni palpati e la protagonista non vede l'ora di portarsi a letto uno dei due figaccioni (o anche tutti e due).
Comunque non mi è dispiaciuto, anzi. Qualunque cosa lei possa dirne o pensarne, è indubbio che l'autrice si trovi molto a suo agio con questo genere, perciò mi fa piacere leggerla in questa veste.
Certo, forse Victoria ha delle passioni e delle pulsioni un po' esagerate, ma capita quando si vive in un superattico sopra le righe, come dicevo prima.
L'unica cosa che ho capito a metà è il finale, ma so già che è una duologia, quindi conto che tutto verrà spiegato nel prossimo libro.

2 commenti:

  1. Da quel che dici mi sembra "romance" esattamente come La rosa e il pugnale, nel senso che in quello (che ho letto) il plot è la storia di fantasmi, ma nel frattempo i protagonisti belli e giovani non è che si dimentichino di godersi un po' la vita.
    Concordo in pieno sui suoi due vantaggi, e dopo mi leggo Brilliant visto che l'ho preso da tempo ;)

    RispondiElimina
  2. Grazie Valentina, wowowowow!!!! Felicissima che ti sia piaciuto! Sì, Brilliant vira in una direzione tutta sua, è diverso dagli altri miei libri, ho voluto sperimentare qualcosa di nuovo e sembra che funzioni! Grazie anche a te Vlad! Ora però, Valentina, devi leggere la rosa, è più un thriller però che un romance, ma prova!!! Baciiiiiiiiiii!

    RispondiElimina