sabato 13 luglio 2013

Sotto un sole nero



SOTTO UN SOLE NERO, di Ivano Mengotti
DEd'A Edizioni, 244 pagine, € 14,00
Genere: fantascienza distopica
Voto: 5/5


In un futuro prossimo, oppure in un presente distopico, un regime dittatoriale guidato dal temibile Ductor ha oscurato il cielo.
Il motivo sembra essere quello di tenere la popolazione in uno stato di tristezza, soggiogata, in silenzio, senza la possiblità di ribellarsi. Ma in realtà sotto c'è molto di più; in realtà c'è qualcosa oltre la patina nera che oscura il cielo...
Una carrellata di personaggi presenta il regime sotto diversi punti di vista: un omosessuale, due soldati, due bambini, una madre, un vecchio burocrate e un assassino.
Lo stile dell'autore è molto particolare: frasi brevi, coordinate, ripetizioni.
E' un modo di scrivere incisivo, secco, ma che centra il punto.
Non è un libro facile. C'è molta brutalità, violenza, dolore. Alcuni passaggi sono davvero intensi.
Poi il colpo di scena finale è quello che fa virare il romanzo nella fantascienza, anche se comunque alcune avvisaglie ci sono già dall'inzio.
Le idee sono molto, molto buone; forse io avrei sviluppato il tutto in maniera diversa, molto più ampia e articolata, ma questa è un'opinione personale.
In realtà trovo che lo stile, la struttura ad anello e una trama che oscilla tra vari generi diano a questo romanzo un tocco molto originale.

Nessun commento:

Posta un commento