mercoledì 29 gennaio 2014

Il burattinaio


IL BURATTINAIO, di Francesco Barbi
Dalai Editore, 527 pagine, € 20,00
Genere: low fantasy
Giudizio: 3,5/5


"Il burattinaio" è il romanzo che fa seguito "All'Acchiapparatti", che io ho letto qualche anno fa; e, in effetti, lo ricordavo solo a grandi sprazzi, e forse questo mi ha penalizzato nella lettura del secondo volume, perché per tutto il tempo ho avuto la sensazione di essermi persa qualcosa.
La storia riprende dopo quattro anni da dove si era interrotta nel primo libro.
Se qualcuno mi chiedesse: "Ti è piaciuto?" risponderei ni. Fino a 100 pagine dalla fine sarebbe stato un "no", ma poi si è un po' risollevato.
Premetto che mi dispiace tanto dare un giudizio del genere; anche perché io e l'autore ci siamo incontrati diverse volte e lui è davvero una persona carina. Però, come già era stato per "L'Acchiapparatti", nemmeno "Il burattinaio" è riuscito a coinvolgermi.
Non so proprio da che cosa dipenda; o meglio, ho delle ipotesi, ma riguardano tutte la mia sfera soggettiva. Diciamo che non sono entrata in empatia con nessun personaggio in particolare; tanto è vero che di molti che già erano presenti nell'Acchiapartatti non ricordavo nemmeno l'esistenza.
Quindi per me il punto debole è stato il coinvolgimento.
Per il resto però non è un brutto libro.
Riconosco che è scritto molto bene; c'è un tentativo apprezzabile e anche ben riuscito di renderlo verosimile, i personaggi sono ottimamente caratterizzati e la trama, anche se abbastanza semplice e lineare, è buona.
Se volete leggerlo, però, temo che ormai l'unico modo sia la catena di lettura su Anobii, perché purtroppo la Dalai è in crisi e i libri sono fuori catalogo.

Nessun commento:

Posta un commento