lunedì 22 giugno 2015

I quindici giorni folli di Watson Edizioni: il clan dei cari estinti di Carlo Deffenu e La voce di Paolo Forteleoni

Il weekend mi ha fatto rimanere un po' indietro rispetto ai giorni di fuoco Watson, quindi oggi vi presento ben due libri.
Il primo è "Il clan dei cari estinti" di Carlo Deffenu, scrittore sardo già autore di "domani sarà un giorno perfetto".

Corrado è un ragazzino fragile e malinconico. I suoi occhi vedono cose strane pochi attimi prima che accadano. Un segreto che non ha mai rivelato a nessuno.
Suo padre Ninetto è morto per un incidente sul lavoro e la vita va avanti a fatica con i lavoretti saltuari della madre.
I compagni di scuola lo prendono in giro e lo chiamano Sad per il suo carattere estremamente schivo.
Il giorno di Halloween, va in giro vestito da Superman per racimolare un po’ di dolcetti con gli amici del quartiere e, dopo un giro per le case del quartiere, decidono di entrare di soppiatto nella tenuta di Eleanor Mallow, una signora inglese famosa per le sue doti divinatorie, uccisa sessant’anni prima. Gira voce che tra quelle mura sia custodita la formula per riportare in vita i morti.
Sad, sfidato da Mauro, decide di entrare nel rudere per cercare la formula e farsi bello agli occhi di Giulia. Il sogno è di riportare in vita il suo papà. Ma durante l’intrusione qualcosa va storto e Sad sarà catapultato in una realtà estremamente diversa da quella vissuta fino ad allora.
Si ritroverà in un mondo parallelo dove non tutti i morti sono davvero morti. Un mondo popolato di fantasmi nostalgici, rancorosi, allegri, burloni. Dove la vita, per assurdo, continua a scorrere seguendo leggi del tutto diverse.


Lo trovate qui .

Il secondo romanzo, in prevendita, è "La voce" di Paolo Forteleoni, un horror finalmente!

Tre ragazzi uniti da una forte amicizia, una voce oscura e la vita di provincia di una cittadina della Sardegna: sono questi gli ingredienti che accompagnano questo racconto horror, dove la trama degli avvenimenti si srotola tra misteri e allucinazioni, in un crescente clima di tensione. In una storia lunga un decennio, l’eterna lotta tra bene e male, tra normale e paranormale, tra giusto e sbagliato, fanno da cornice al romanzo. La Voce, un essere demoniaco del quale si conosce solo il suono della voce, approfitta di un momento di debolezza di Amilcare, il protagonista della storia, per insinuarsi nella sua testa e nei suoi sogni e condizionare l’esistenza del ragazzo e dei suoi amici più fidati: Pietro e Giorgio. In condizioni reali o in situazioni oniriche, la Voce tormenta Amilcare, arrivando a uccidere persone a lui vicine e frastornando il ragazzo al punto tale da non riuscire più a distinguere realtà e immaginazione. Lunghi corridoi senza spazio e senza tempo fanno da sfondo ai momenti più intensi del racconto. Il terrore si alterna alla serena vita di tre ragazzi dapprima poco più che adolescenti, poi uomini. 

Lo trovate qui .

Per altro, io comincio a essere in difficoltà, perché non so quale tra tutti questi libri comprare per primo!
E voi?

1 commento:

  1. elementare, sono da acquistare entrambi

    RispondiElimina