sabato 11 luglio 2015

Il Vangelo secondo Biff



IL VANGELO SECONDO BIFF, di Christopher Moore
Eliott Edizioni, 574 pagine, € 12,90
Genere: satirico
Voto: 5/5


Dalla penna di Christopher Moore, autore satirico statunitense da milioni di copie, questo romanzo è divertentissimo ma malinconico.
A duemila anni dalla morte di Gesù un angelo riporta in vita il suo migliore amico, Levi detto Biff, affinchè scriva un nuovo Vangelo in cui si riporti tutto ciò che è accaduto dalla nascita ai trent'anni del Cristo, periodo che i Vangeli Canonici tralasciano.
Si tratta di un viaggio in Oriente alla ricerca dei magi e della ricetta per diventare il Messia, un viaggio tra demoni, concubine cinesi, monaci tibetani, kung fu, santoni indiani ed elefanti che fanno yoga.
Vale lo stesso avvertimento che va fatto  a proposito di tutti i libri che rivedono la vita di Gesù, sopratutto quelli satirici: se siete estremamente religiosi e non avete né senso critico né senso dell'umorismo lasciate perdere.
Se invece la figura di Gesù vi affascina leggetelo pure. Tanto il Cristo esce benissimo da questo romanzo.
E' Biff l'uomo inferiore, quello che ha un'insana passione per il sesso, quello che uccide e trama.
Così descritto Biff sembrerebbe incarnare il peggio dell'umanità, e invece no, perché in realtà Biff è il meglio dell'umanità.
Un personaggio straordinario che dà vita a un romanzo che, più che di Gesù, parla dell'amicizia.
Insomma, quanti di voi se il vostro migliore amico d'infanzia vi avesse detto: "Credo di essere il Messia ma non so come si fa" lo avrebbero accompagnato in Oriente per anni, alla ricerca dei Magi, sottoponendosi a duri allenamenti ascetici?
E se fosse stati il miglire amico di Gesù, come vi sareste comportati con Giuda?
Questo romanzo è divertentissimo nelle prime parti, poi vira decisamente verso la malinconia (e infatti, dopo averlo divorato, ho dovuto abbandonarlo per un giorno perché sapevo in che direzione si stava avviando. Del resto, non è un mistero la fine di Gesù).
Profondo e consigliatissimo.

Nessun commento:

Posta un commento