martedì 1 settembre 2015

I libri del mese: agosto 2015

LIBRI LETTI

Commento qui
Commento qui













LIBRI ACQUISTATI

La città di Formia viene scossa dalla tragica morte di un giovane. Alla notizia, Andrea Amato, affermato giornalista residente a Milano, decide di tornare per ricordare l’amico scomparso. Il viaggio nel paese natio lo costringe ad affondare nell’oscurità del tempo passato e rivivere eventi quasi del tutto dimenticati. La malattia del fratello, Maurizio; l’amore tradito; la ricerca di una via d’uscita dalla monotonia; il fascino dei ragazzi più grandi che appaiono imbattibili e rispettati da tutti; la droga. Andrea inizia la sua personalissima indagine. Sa che qualcosa di quel passato è legato a quella tragica morte. Incontrando gli amici d’infanzia, il giornalista scopre che la droga è sempre il filo conduttore degli eventi ma non è la sola protagonista che porterà all’epilogo inaspettato e drammatico. Un romanzo estremamente coinvolgente, con alcune sfumature noir, che descrive con minuzia le dinamiche di un gruppo di adolescenti insoddisfatti alla ricerca del successo e della crescita sociale grazie a sballo e droga. L’assenza delle istituzioni e la lontananza degli affetti famigliari sottolineano ancor di più una questione sociale molto attuale ed estremamente delicata. Un doppio salto temporale illustra perfettamente la mutevolezza degli eventi e le conseguenze delle scelte azzardate fino a rendere reali quelli che erano sempre stati solo pensieri e paure.

Corrado è un ragazzino fragile e malinconico. I suoi occhi vedono cose strane pochi attimi prima che accadano. Un segreto che non ha mai rivelato a nessuno. Suo padre Ninetto è morto per un incidente sul lavoro e la vita va avanti a fatica con i lavoretti saltuari della madre. I compagni di scuola lo prendono in giro e lo chiamano Sad per il suo carattere estremamente schivo. Il giorno di Halloween, va in giro vestito da Superman per racimolare un po’ di dolcetti con gli amici del quartiere e, dopo un giro per le case del quartiere, decidono di entrare di soppiatto nella tenuta di Eleanor Mallow, una signora inglese famosa per le sue doti divinatorie, uccisa sessant’anni prima. Gira voce che tra quelle mura sia custodita la formula per riportare in vita i morti. Sad, sfidato da Mauro, decide di entrare nel rudere per cercare la formula e farsi bello agli occhi di Giulia. Il sogno è di riportare in vita il suo papà. Ma durante l’intrusione qualcosa va storto e Sad sarà catapultato in una realtà estremamente diversa da quella vissuta fino ad allora. Si ritroverà in un mondo parallelo dove non tutti i morti sono davvero morti. Un mondo popolato di fantasmi nostalgici, rancorosi, allegri, burloni. Dove la vita, per assurdo, continua a scorrere seguendo leggi del tutto diverse. 

Il cadavere mutilato di una giovane brasiliana viene trovato nella sala da ballo di proprietà dell’Avvocato, il suo attempato amante, e di altri tre vegliardi: il Cavaliere, Don Gennaro e Peppe ‘o Mericano. Tre dei quattro soci si ritrovano al Circolo; con loro c’è il commissario Celentano, fratello del Cavaliere, mentre all’appello manca l’Avvocato. Proprio il legale finisce col divenire il principale sospettato per l’omicidio. Ma l’omicidio porta la firma di un noto serial killer, Donato Cozzolino, noto come il “killer degli ovetti”, morto però in carcere anni prima. La situazione si complica quando Joe Duraccio, commissario dell’Unità Anticrimine, arresta Francesco, il figlio dell’Americano dopo aver scoperto che il giorno prima questi ha avuto un violento diverbio con la brasiliana. E la posizione di Francesco si fa più dura quando gli sbirri, durante un sopralluogo, scoprono in casa sua una quantità enorme di materiale su Cozzolino. Francesco è costretto a confessare l’omicidio per sopravvivere alla bestialità dell’interrogatorio cui Duraccio lo sottopone. Il ragazzo viene messo in isolamento e additato dalla nazione intera come Mostro. Gli unici a credere alla sua innocenza sono il padre e gli altri tre vecchiotti; peccato che le autorità non siano disposte ad accettare l’idea che il defunto killer degli ovetti sia tornato dall’inferno per seminare nuove morti. Toccherà così alla banda della dentiera portare avanti un’indagine non convenzionale fra scazzottate, palpatine nei sederi delle bariste e testimoni oculari dagli improbabili soprannomi.

Nessun commento:

Posta un commento