domenica 17 aprile 2016

Il dominatore delle tenebre. Il meglio dei racconti di HPL


IL DOMINATORE DELLE TENEBRE. IL MEGLIO DEI RACCONTI, di H.P. Lovercraft
Feltrinelli Editore, 480 pagine, € 13,00
Voto: 5/5
Genere: horror


Non so perché fin'ora non avevo mai letto Lovercraft. Mi rendo conto che mi mancava un tassello del puzzle, perché dopo aver letto i suoi racconti ho capito quanto la moderna letteratura horror e gotica sia ispirata a lui, a partire da Stephen King. “Il colore dallo spazio” mi ha fatto pensare immediatamente a “L'acchiappasogni”. E vogliamo parlare di Arkham, sia città del Massachusetts inventata da Lovercraft dove sono ambientati molti racconti (come Derry per King), sia manicomio criminale in Batman?
Questa raccolta edita da Feltrinelli contiene una quindicina di racconti tra i più famosi dell'autore. Non tutta l'opera di Lovercraft, quindi, ma abbastanza per farsi un'idea della sua poetica allucinata che oscilla tra fantascienza e fantasy.
Da brividi, comunque. Città decadenti e infernali, mostri colossali che vengono da altrove, culti deviati, libri maledetti, follia e terrore.
È chiaro, Lovercraft era ansioso e depresso, entrambi i suoi genitori erano morti in manicomio, ma comunque il suo genio visionario è innegabile e la sua capacità tecnica nel descrivere l'orrore è qualcosa di eccezionale.
Me lo domando di nuovo; perché finora non l'ho mai letto?
Ho visto che esiste una versione completa della sua opera edita da Mondadori e penso che la comprerò, perché è un autore che va necessariamente approfondito.
La raccolta è suddivisa in due parti: “Racconti dall'abisso” e “Ciclo di Cthulhu”.
Siccome ho notato che la traduzione dei titoli cambia a seconda del traduttore, utilizzerò l'inglese per farvi capire di che racconto sto parlando.
La raccolta si apre con “Dagon”, scritto nel 1917, che propone il tema del sogno, quello della realtà alternativa e quello dei giganteschi mostri marini. Un uomo, naufrago dopo essere sfuggito ai Tedeschi, s'imbatte nel bel mezzo dell'oceano in una misteriosa isola dove trova le tracce del culto di una creatura spaventosa.
I mostri ritornano anche in “The hauter of the dark”, in “The Dunwich horror”, in “The shadow over Innsmouth” e in “The call of Cthulhu”, che secondo me sono tra i racconti migliori di tutta la raccolta.
Sopratutto “The Dunwich horror” è la dimostrazione di ciò che dicevo prima, cioè la grande capacità tecnica di Lovecraft. S'intuisce non solo nel cambio di punto focale che avviene a metà racconto, ma sopratutto negli espedienti utilizzati per far intuire l'orrore di una creatura invisibile (tracce gigantesche, alberi spezzati, case abbattute, bestiame morto e intere famiglie scomparse nel nulla, con tanto di telefono che a un certo punto comincia a suonare a vuoto).
Poi c'è il gotico in “The haunter of the dark” che è ambientato in un'antica cattedrale, in “Herbert West, reanimator”, che si ispira chiaramente a Frankestein, in “The rats in the walls” che invece mette in scena una vecchia magione inglese infestata (e di cui il recente film di Gugliemo Del Toro, “Crimson Peak”, sembra essere una citazione).
Potrei andare avanti per ore a elencare suggestioni, perché ogni racconto è un piccolo scrigno.
Bisogna leggerlo per capire.
Mi soffermerò solo un attimo su “The color out of space” che, assieme a “The Dunwich horror”, è quello che mi ha fatto più paura (perché vi giuro che fanno paura; o meglio, sono angoscianti).
Un misterioso meteorite cade nel campo di un contadino. All'interno una sfera di un colore indefinito che esplode non appena viene toccata. Da qui, pian piano, tutto ciò che c'è nel campo e attorno a esso (alberi, erba, animali) comincia ad andare in malora, come se la vita stessa venisse risucchiata da qualcosa. Un racconto che ha un terrificante andamento ascendente fino a un climax davvero da brividi, e archetipo di molte invasioni spaziali descritte dalla letteratura successiva.
Ultima cosa che voglio dire è che se vi approccerete a Lovercraft per la prima volta noterete che era razzista, classista e anche misogino, anche se negò apertamente quest'ultima cosa; fatto sta che i suoi rarissimi personaggi femminili hanno tutti connotazioni negative. Addirittura Asenath Waite, antagonista in “The thing on the doorstep”, non solo è un demone incarnato, ma un demone originariamente maschile incarnato per caso in un corpo di donna. Tuttavia dovete tener conto che HPL era un borghese americano dei primi del '900, quando tutti erano razzisti, classisti e misogini. Chiudete un occhio su questo e concentratevi sull'orrore che era capace di evocare.
E comunque, io voglio un Chtulhu tutto mio.

2 commenti:

  1. Questo devo proprio prenderlo. Di Lovecraft ho solo quel volumetto piccino, presente quelli che vendevano a 99 centesimi? E non ci stanno neanche i racconti migliori, dentro. Mannaggia a me e alla mia taccagneria! é_é

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io questo l'ho preso in ebook. Adesso non ricordo bene, ma non costava tanto. volendo ci sono anche raccolte della Newton a €4,99. Invece la raccolta completa di Mondadori costa 22 euro cartacea. Esiste anche in ebook ma non so a quanto

      Elimina