mercoledì 26 luglio 2017

La ricerca della cultura è morta?

Ho visto un concorso bandito da un’importante casa editrice italiana che funziona, da quel che ho capito, più o meno così: manda il racconto di una storia vera personale; interagisci per un determinato periodo su un forum con delle persone che leggeranno il tuo contributo, ti faranno delle domande e poi decreteranno il vincitore; scrivi il romanzo con il supporto di un editor della casa editrice.
È il modo per dare vita al bestseller perfetto. Una storia di vita vissuta, che probabilmente sarà drammatica (non penso che vincerà la donna che ha trovato con facilità il suo equilibrio personale, con una famiglia splendida, un lavoro appagante e magari pure Mary Poppins per tata; perché dai, francamente chissenefrega); una protagonista donna, probabilmente tormentata (vedi sopra); l’apprezzamento del pubblico del forum, che in pratica è un’analisi dei gusti del consumatore gratuita; libro scritto da un editor, perciò in maniera accattivante.
Non c’è nulla di male in questo, intendiamoci. È un concorso che avrà le sue regole e non sarà nemmeno facile da vincere.
Eppure, ho un tarlo che mi gira nella testa da quando ho letto il bando, perché si tratterà dell’ennesimo romanzo scritto a tavolino edito da una casa editrice gigantesca. È il business della cultura, ma ormai la ricerca della cultura vera, degli autentici talenti, è completamente morta. Conta solo il personaggio dello scrittore, nel solco della bruttissima tradizione lanciata qualche anno fa da quell'obbrobrio che era "Masterpiece".
Sarà davvero questa la strada giusta?
Il romanzo che verrà fuori da questo concorso venderà il suo buon numero di copie, ma se devo essere sincera il concetto che c'è sotto mi pare lo stesso che sostiene le biografie dei calciatori.

Nessun commento:

Posta un commento