I libri del mese: febbraio 2018

L’altro giorno ho visto il manifesto del Salone Del Libro 2018.
Lo slogan è “Un giorno, tutto questo”. Il giochino promosso sui social è quello di completare la frase.
A me viene subito in mente “Il re Leone”: un giorno tutto questo sarà tuo, Simba . Mufasa voleva inculcare al figlio la responsabilità del comando (sarà tuo e dovrai prendertene cura), ma il giovane leone lo interpreta come: la Savana è tutta lì. Va’ e prenditela .
Perché questa lunga premessa? Per dire che quest’anno, dopo nove anni, tornerò anche io al Salone, e mi sento un po’ come il giovane Simba: va’ e prenditelo .
Perché se tutto va come deve andare al Salone avrò un nuovo romanzo, e non un romanzo qualsiasi, ma IL romanzo. Quello a cui lavoro non dico da tutta la vita ma quasi, quello che ha avuto cinque revisioni totali da quando l’ho iniziato quattordici anni fa, tanto da essere ormai qualcosa di totalmente diverso, anche se la storia è ancora lì e, sopratutto, i personaggi sono ancora lì.
Bene, quindi questo è ufficialmente il primo annuncio dell’uscita.
Mancano due mesi, ma ne parleremo ancora prima del Salone perché voglio che sia una bomba.

Intanto veniamo al mese di febbraio. I febbrai degli ultimi due anni hanno fatto un po’ pena dal punto di vista di numero di pagine lette, invece quest’anno è andata bene. Ho letto “Destinatario sconosciuto” e “Hydrostasis”, ho terminato “La storia infinita” e ho ripreso “La pista delle stelle”.
Non vi dico quanti libri ho comprato perché me ne vergogno (e in realtà ho pure perso il conto), ma vabbé; è il mio vizio. Gli altri fumano o giocano ai Gratta e Vinci, io compro libri.
Febbraio è stato il mese n°1 per “L’albero della Grammatica”. Siamo andate online e ci siamo lanciate nel mercato. Abbiamo già letto tipo sei o sette manoscritti e andiamo avanti fiduciose.
A tal proposito, vi annuncio che sabato e domenica prossima ci trovate a Tempo di Libri. Io sarò allo stand Watson, la mia collega Irene un po’ in giro. Per conoscerci o portarci qualcosa da leggere contattateci pure a valentina@alberodellagrammatica.it, così ci accordiamo per un appuntamento.

Commenti